in Primo Piano

Il Sole 24 Ore - Che Futuro! 

Le 100 e passa donne che contano di più nel digitale in Italia

Tanti uomini e poche donne: nel mondo del digitale è così. La prova tangibile si ha durante gli eventi dedicati al mondo tech: speaker rigorosamente uomini, con l’altra metà del cielo enormemente sotto-rappresentata. Negli Usa, Sandi MacPherson, fondatrice della startup Quibb, sta cercando di cambiare le cose, con un’idea semplice, ma efficace.

MacPherson ha lanciato la “50/50 Pledge”: l’impegno ad avere nei convegni tech una rappresentanza femminile del 50%.

Nella lista stilata dalla MacPherson figurano donne che ricoprono ruoli decisivi in vari settori, dall’ingegneria informatica al marketing di aziende come Google, Facebook e BuzzFeed.

E in italia? Peter W. Kruger, amministratore delegato di eZecute, società che fornisce supporto alle startup, ha raccolto la sfida di MacPherson e l’ha rilanciata nel nostro Paese.  Tra i nomi delle donne nel digitale appare anche Stefania Milo Presidente Nazionale Giovani Imprenditori CNA.  >>>