COMUNICATO STAMPA

Contratti regionali dell’artigianato

La CNA conferma la disponibilità a proseguire nella trattativa ma con una forte attenzione alla crescita economica delle imprese del settore

Restano perplessità sul metodo utilizzato dai sindacati

CNA Lombardia conferma, di fronte alla decisione dei Sindacati di organizzare presidi presso le imprese dei Presidenti regionali di CNA e Confartigianato, la propria energica perplessità per l'anomala confusione tra il ruolo istituzionale delle Organizzazioni datoriali preposte alla dialettica sindacale e le persone e le particolari situazioni aziendali dei Presidenti.

E' un precedente grave e siamo di fronte ad un caso di disintermediazione delle rappresentanze datoriali (ed indirettamente sindacali) che sembra allinearsi con alcune prassi sociali e politiche che abbiamo più volte indicato come contrarie ai principi di fondo di una democrazia fondata sulla rappresentanza. >>>

Politiche attive del lavoro

CNA: le imprese vogliono che la politica faccia funzionare le cose, anche la burocrazia.

Stefano Binda, responsabile Politiche del Lavoro di CNA Lombardia a confronto con il senatore Pietro Ichino, il Direttore dell'assessorato Istruzione Formazione Lavoro di Regione Lombardia, Bocchieri, il consigliere regionale Lega Nord, Romeo, il Presidente di Anpal, Del Conte. A moderare il dibattito, dedicato al tema delle politiche attive del lavoro, il giornalista Dario Di Vico.

'Alle imprese - ha detto Binda - non interessano le critiche che gli esponenti della politica fanno alla burocrazia regionale o ministeriale sugli scarsi risultati delle politiche attive. Le imprese vogliono che la politica faccia funzionare le cose, anche la burocrazia. Le politiche di Regione Lombardia sono migliorate negli anni grazie al confronto con le Parti Sociali ma urge un maggior coordinamento tra Governo e Regioni in materia di politiche per il lavoro. Ripartiamo dal coinvolgimento dei territori, dalle imprese e dai loro effettivi fabbisogni di competenza. Ridiamo corpo a politiche condivise e robuste, uscendo dalla logica degl'interventi spot e frazionati'.