Politiche attive del lavoro

CNA: le imprese vogliono che la politica faccia funzionare le cose, anche la burocrazia.

Stefano Binda, responsabile Politiche del Lavoro di CNA Lombardia a confronto con il senatore Pietro Ichino, il Direttore dell'assessorato Istruzione Formazione Lavoro di Regione Lombardia, Bocchieri, il consigliere regionale Lega Nord, Romeo, il Presidente di Anpal, Del Conte. A moderare il dibattito, dedicato al tema delle politiche attive del lavoro, il giornalista Dario Di Vico.

'Alle imprese - ha detto Binda - non interessano le critiche che gli esponenti della politica fanno alla burocrazia regionale o ministeriale sugli scarsi risultati delle politiche attive. Le imprese vogliono che la politica faccia funzionare le cose, anche la burocrazia. Le politiche di Regione Lombardia sono migliorate negli anni grazie al confronto con le Parti Sociali ma urge un maggior coordinamento tra Governo e Regioni in materia di politiche per il lavoro. Ripartiamo dal coinvolgimento dei territori, dalle imprese e dai loro effettivi fabbisogni di competenza. Ridiamo corpo a politiche condivise e robuste, uscendo dalla logica degl'interventi spot e frazionati'.

DPCM n. 88/2017 di disciplina dell’Anticipo Pensionistico

APE SOCIALE

Con la Gazzetta Ufficiale del 16 giugno 2017, è stato pubblicato il DPCM n. 88/2017 di disciplina dell’Anticipo Pensionistico cd. “APE Sociale”.

Come noto, si tratta di una delle più attese novità introdotte con la Legge di Bilancio per l’anno 2017 (l. 232/2016, art. 1 co. 179 e ss.), con la quale si rende più flessibile l’uscita dal mondo del lavoro, temperando così gli effetti della riforma pensionistica varata nel dicembre 2011 dal Governo Monti attraverso il cosiddetto Decreto “Salva Italia”. >>>